So.Le. che accoglie è il nome del progetto presentato dalla nostra cooperativa sociale Intrecci insieme alla fondazione Padri Somaschi, con numerosi Comuni, Parrocchie e Caritas, che prevede l’accoglienza e l’avvio di percorsi integrati di inclusione sociale, lavorativa ed abitativa per migranti già presenti sul territorio a cui è stato riconosciuto il diritto di protezione.

 

Il progetto prevede un programma attivo di integrazione nella comunità ospitante attraverso corsi di lingua, collaborazioni con le associazioni del volontariato e tirocini lavorativi: secondo le parole di Mario Salis della cooperativa sociale IntrecciIntrecci «Non basta prendere delle persone e "parcheggiarle" in un dormitorio. Questa non è accoglienza. L'adesione al bando ‪SPRAR‬ dà garanzie di grande trasparenza e tutele sia per i profughi, sia per la comunità ospitante. Inserire queste persone all'interno del territorio vuol dire garantire la tutela delle leggi».

Se il progetto verrà approvato dal ministero ne beneficeranno 15 migranti, e secondo un modello di accoglienza diffusa verranno alloggiati in appartamenti di piccole e medie dimensioni.

Le strutture disponibili sono quattro, due nel comune di Legnano e due a Canegrate, questi ultimi messi a disposizione da privati cittadini.

Per saperne di più leggi l'articolo di Legnano News o di Varese News.