Intrecci Casa Elim 1Un nuovo paese per Casa Elim, che alla fine di gennaio si è trasferita dalla precedente sede nella frazione di Villastanza di Parabiago a una nuova casa a Canegrate.

Casa Elim è una struttura di accoglienza, gestita dalla cooperativa Intrecci, che può ospitare fino a 13 ragazzi stranieri minorenni in Italia senza la famiglia (quelli chiamati in gergo “minori stranieri non accompagnati”), anche in casi di pronto intervento, cioè accoglienze in emergenza.

Il servizio di Casa Elim è accreditato con il Comune di Milano, e gli operatori che lavorano con questi ragazzi costruiscono con loro dei percorsi per aiutarli a diventare autonomi e accompagnarli in un percorso di integrazione nel territorio del milanese, nel luogo in cui ora vivono.

Intrecci Casa Elim 3«Tappe salienti della progettazione condivisa con il minore sono l'ottenimento dei documenti, uno screening sanitario comprensivo di percorsi di educazione alla salute, proposte di alfabetizzazione linguistica, azioni di promozione culturale, attività sportive promosse sia da enti pubblici che privati – spiegano i responsabili della coop Intrecci. – L'accoglienza presso Casa Elim è generalmente propedeutica all'inserimento in servizi abitativi per l'autonomia dislocati nell'area metropolitana milanese».

Proprio per facilitare l'inserimento dei ragazzi nella rete del territorio, gli operatori di Casa Elim curano anche i rapporti con le realtà sociali vicine: anche prima del trasloco, i referenti della comunità avevano già incontrato e attivato i primi passi di collaborazione con la Caritas locale e con gli amministratori del Comune.