"Auguro a tutti coloro che sono impegnati e sono attori di riforme cooperativistiche, di tener viva la memoria della loro origine. Le forme cooperative costituite dai cattolici come traduzione della Rerum Novarum testimoniano la forza della fede, che oggi come allora è in grado di ispirare azioni concrete per rispondere ai bisogni della nostra gente.  Oggi questo è di estrema attualità e spinge la cooperazione a diventare un soggetto in grado di pensare alle nuove forme di Welfare. Il mio auspicio è che possiate rivestire di novità la continuità."

Apriamo il 2014 con l'augurio che Papa Francesco ha espresso il 22 novembre scorso al Festival della Dottrina Sociale della Chiesa.

Ci auguriamo che il mondo cooperativo continui a crescere aiutando la società e portando lavoro: nello scorso anno, le imprese cooperative hanno presentato un saldo positivo (+ 0,6%) nella natalità – mortalità, contrastando positivamente la crisi.

Per ulteriori informazioni rimandiamo al VI numero di “Note e commenti”, il working paper statistico-economico realizzato congiuntamente dagli uffici studi di Confcooperative, Legacoop e Agci per l’Alleanza delle Cooperative Italiane.