sosLe cooperative di Consorzio Farsi Prossimo continuano anche in questo periodo a offrire numerosi servizi ai più deboli della società. Se molti servizi sono stati chiusi, restano attivi quelli fondamentali: ci sono gli operatori della domiciliarità, che portano aiuto ad anziani e persone che non possono cavarsela da sole, gli educatori dei servizi residenziali, dove vivono minori, stranieri, persone con problemi psichiatrici e lavoratori di tanti altri servizi indispensabili ai più deboli.

Sono quasi 1000 i nostri lavoratori che vengono direttamente a contatto con l'utenza e tutti soffrono una grave carenza di dispositivi di protezione. Continuano a proprio rischio e pericolo a prendersi cura di più di 7000 persone fragili.
I dispositivi di protezione sono necessari anche per le quasi 3500 persone ospitate nelle diverse strutture abitative, alcune anche di grosse dimensioni.

Per questo stiamo cercando ovunque qualsiasi tipo di mascherine.

Questo è un appello: chiunque possa farcele avere ci contatti all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Foto di Gordon Johnson da Pixabay