Questo sito e gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono dei cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella gestione dei cookies.
Chiudendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in ogni altro modo, acconsenti all'uso dei cookie.
Stampa

franoiL'autonomia è la base dell'integrazione: per questo i percorsi di accoglienza, di buona accoglienza, mirano a (ri)conquista dell'autonomia individuale. Una volta raggiunta l'autonomia individuale, questa va consolidata.

Partendo da questa convinzione Consorzio Farsi Prossimo ha dato vita, insieme a più di 40 partner al progetto FAMI Fra Noi. Nato nell'ambito del Programma nazionale del Fondo asilo migrazione e integrazione, cofinanziato da Ministero dell'Interno e Unione Europea, Fra Noi ha creato una rete diffusa in oltre 10 regioni di Italia in cui le risorse per l'integrazione sono ampliate, implementate e messe in rete.

 

Il progetto si snoda attraverso 4 assi principali: lavoro, casa, scambio e formazione, comunicazione. Ha come obiettivo non solo l'inclusione sociale dei titolari di protezione internazionale, ma anche lo scambio fra gli operatori e la modellizzazione di un nuovo tipo di intervento. Fra gli obiettivi, una forte sinergia fra pubblico e privato, sempre nell'ottica di un lavoro di integrazione di titolari di protezione.

Fra i tanti partner di questo progetto ci piace oggi ricordare lo studio legale internazionale Baker McKenzie, che, come spiega l'avvocato Cicala nella sua intervista del 7 Agosto sul Corriere della Sera, spende le proprie conoscenze e i propri contatti professionali per facilitare l'ingresso nel mondo del lavoro ai rifugiati. Refugee integration program è il nome del progetto promosso da Baker McKenzie, in sinergia con Welcome. Working for refugees interation dell'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr) e FAMI Fra Noi di Consorzio Farsi Prossimo.

Visite: 729