2020 04 22 covid nicolò san luigi«Quando posso andare a casa?».

In un certo senso, Federico (il nome è di fantasia) è già chiuso in casa, come tutti i ragazzi in questo periodo. Solo che la casa dove vive al momento è molto particolare. È la Casa Sant'Antonio, comunità per minori gestita dalla cooperativa San Luigi a Varese.

Casa Sant'Antonio ha due sedi: una si trova in un ex oratorio, ha 10 posti e ha un campetto dove i ragazzi possono uscire. La seconda, aperta da qualche mese, è situata in un appartamento in centro città e ha 4 posti. I ragazzi accolti, dai 10 ai 18 anni, maschi e femmine, sono stati allontanati dalle famiglie in seguito a un decreto del Tribunale dei Minori, a causa di maltrattamento, abbandono scolastico o altri problemi di disagio del contesto in cui vivevano.

«Dal 3 marzo le comunità sono state isolate. Gli educatori limitano al minimo le possibilità di contagio attraverso un sistema di turni che è stato studiato apposta per garantire il minimo contatto sociale e periodi di isolamento – spiega Nicolò Bulgheroni, 38 anni, educatore alla Sant'Antonio. – Anche i ragazzi, che normalmente in alcuni casi potrebbero incontrare i genitori, in questo periodo comunicano con le famiglie solo su Skype, Whatsapp e a volte col telefono».

Per quel che si può, si cerca di garantire una routine e delle attività, anche se ovviamente non la si può chiamare normalità.

Si fa scuola a distanza anche qui, e per garantirla la cooperativa San Luigi ha trovato e messo a disposizione dei ragazzi nuovi computer per permettere a tutti di partecipare alle proprie videolezioni, che spesso sono in contemporanea.

Hanno anche festeggiato qualche compleanno: i ragazzi non hanno potuto avere invitati esterni, ma parenti, amici, operatori, hanno partecipato tutti virtualmente, “a distanza”. «Mentre purtroppo abbiamo dovuto saltare una delle feste preferite dei ragazzi: la grigliata di Pasqua. In questa situazione, le feste sono momenti delicati che mettono a dura prova la serenità dei ragazzi: dobbiamo supportarli, responsabilizzarli e farli divertire».

Eppure, il lungo periodo chiusi dentro si fa pesante. Sono in tanti ora a porre quella domanda: «Quando posso andare a casa?».

«I ragazzi sono sempre in comunità e sono sempre tutti insieme – racconta Nicolò. Gli educatori hanno il compito costante e intensivo di organizzare attività ludiche e aggregative, di garantire il sostegno scolastico e la somministrazione di terapie e di gestire domande e momenti di crisi. – Ma si sono già già verificati diversi momenti di tensione: ad esempio, per i ragazzi dover uscire da casa con guanti e mascherine rappresenta già un piccolo trauma».

È diverso anche il clima nelle due case della comunità: «Il lavoro più difficile è quello con la comunità da quattro ragazzi: il gruppo è di nuova formazione, la comunità è stata aperta a ottobre, i ragazzi sono chiusi in appartamento senza sbocco all’aperto e c’è un solo educatore. La comunità da dieci è invece un gruppo coeso e affiatato, gli ultimi sono entrati a settembre, gli altri sono in comunità da più tempo, già da un paio d’anni. La situazione è rodata».

Le difficoltà personali, in base alle storie di ciascuno , sono tante. «Un ragazzo prima del virus aveva avuto la possibilità di vedere la madre più ore alla settimana con l’obiettivo di trasferirsi da lei a tempo pieno. Questo percorso è stato bruscamente interrotto: attualmente il ragazzo può vedere la madre solo con una videochiamata».

Un altro ragazzo era appena entrato in comunità ed era in attesa della definizione della terapia neuropsichiatrica: con qualche difficoltà, grazie alla collaborazione di tutti, la neuropsichiatra è riuscita a fare il colloquio e formulare la terapia da remoto.

«Dobbiamo anche dire che la sicurezza sanitaria, purtroppo, non ci ha permesso di seguire una delle nostre ragazze come avremmo dovuto – conclude con rammarico Nicolò – Lei è stata ricoverata in neuropsichiatria e non ci è stato permesso di starle accanto durante il ricovero. Per fortuna un Comune limitrofo ha messo a disposizione alcuni volontari per darle assistenza e conforto».

 

 

dona

Come puoi leggere nelle nostre interviste, la maggior parte dei nostri operatori è al lavoro. In condizioni ancora più difficili. Nonostante la paura.
Lo facciamo perché crediamo che le persone di cui ci prendiamo cura abitualmente abbiano ancora più bisogno di noi, in questo periodo.

Ma anche noi abbiamo bisogno: questa situazione comporta una riorganizzazione continua, nuove spese, corsi di formazione, diversi strumenti.

Aiutaci ad aiutare, fai una donazione qui