Questo sito e gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono dei cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella gestione dei cookies.
Chiudendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in ogni altro modo, acconsenti all'uso dei cookie.
Stampa
Visite: 7325

Volentieri riportiamo le parole di Massimo Minelli, già Presidente di Consorzio Farsi Prossimo e attuale Presidente di Federsolidarietà Lombardia, l’organizzazione di rappresentanza politico-sindacale delle cooperative sociali e delle imprese sociali aderenti a Confcooperative:  "Le grandi ondate migratorie a cui assistiamo non sono una situazione emergenziale, ma il riflesso di un quadro geopolitico instabile che da anni scuote gran parte dell'Africa e del Medio-Oriente. Continuare a parlare di emergenza umanitaria significa solo mistificare la realtà. Siamo di fronte ad un esodo epocale, che l'Europa ed in particolare il nostro Paese continua a gestire come se fosse una calamità, senza preoccuparsi di sviluppare un ragionamento politico più articolato in grado di agire sulle cause e senza una benché minima programmazione per fare fronte agli interventi immediati”.

“In Italia, anche in questi giorni, il ragionamento si ferma solo alle polemiche, speculando sulla pelle di poveri disperati – ha continuato Minelli -  E' arrivato il momento che qualcuno dica con chiarezza che con questa modalità non si va da nessuna parte. C’è bisogno di una politica condivisa, che coinvolga la società civile e tutte le istituzioni, Regione Lombardia compresa, in un dialogo aperto per ragionare insieme, in maniera costruttiva e non strumentale, su questo tema”.

“Ogni giorno migliaia di cooperatori, spesso soli e abbandonati dalle stesse istituzioni, fronteggiano situazioni molto complicate e difficili, restituendo vita e dignità a decine di migliaia di persone. La cooperazione, non dimentichiamolo, gestisce in prima linea gli arrivi. Questo lavoro, prezioso e onesto – ha concluso -  non può essere oscurato neanche da alcuni che, sfruttando il buon nome della cooperazione, cercano di arricchirsi sulle spalle della povera gente”.