Questo sito e gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono dei cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella gestione dei cookies.
Chiudendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in ogni altro modo, acconsenti all'uso dei cookie.
Stampa

paniepeschiDa questo autunno ci sarà una nuova casa per gli adolescenti milanesi che soffrono di disturbi psichiatrici.

La cooperativa Filo di Arianna ha vinto un bando dell'Ats di Milano (ex Asl) per l'apertura di una comunità di neuropsichiatria per minori, così dalla fine di settembre aprirà le sue porte ai primi ragazzini la comunità “Pani e peschi”.

 

Si trova nel quartiere Gallaratese  a Milano e potrà ospitare fino a 10 ragazzini, maschi e femmine, tra i 14 e i 17 anni.

 

Gli adolescenti ospitati saranno residenti milanesi e inizialmente verranno accolti soprattutto giovani già ospitati in una comunità simile, ma fuori dalla Lombardia, in modo da favorire l'avvicinamento a casa e al proprio territorio.

I ragazzi saranno affiancati da medici psichiatri e neuropsichiatri, psicologi, educatori professionali, terapisti della riabilitazione psichiatrica, un terapista della neuropsicomotricità dell'età evolutiva, oltre a infermieri professionali e operatori socio sanitari.

 

L'equipe degli operatori lavorerà con i ragazzi perché possano, dopo un percorso riabilitativo, rientrare in famiglia, anche costruendo una rete con il territorio (dalla scuola ai vari servizi che possano essere di supporto) oppure, laddove non sarà possibile, saranno accompagnati ad altre comunità dedicate o ad appartamenti di Residenzialità leggera in cui possano costruire la propria vita, affiancati, ma con la maggior autonomia possibile.

Visite: 2762