2017 11 24 convegno IMG

Per il secondo anno consecutivo, Consorzio Farsi Prossimo propone una giornata di riflessione e confronto sul tema della salute mentale e dei servizi messi in campo per le persone che soffrono di un disagio psichico.

Il convegno dal titolo “Fare rete, essere in rete. Famiglie, associazioni, istituzioni per una nuova salute mentale” è organizzato insieme alle cooperative Filo di Arianna, Intrecci, L’Arcobaleno, Novo Millennio e Sociosfera, e con Caritas Ambrosiana e Caritas Monza.

L'appuntamento è per venerdì 24 novembre 2017, dalle 8.30 alle 12.30, alla Confartigianato di Monza, in via G.B. Stucchi 64.

Il programma della mattinata prevede, dopo i saluti iniziali dei rappresentanti di Consorzio Farsi Prossimo, di Caritas Ambrosiana e di Caritas Monza, l'intervento dell'onorevole Ezio Casati che presenterà la sua proposta legge 4174, “Norme per promuovere equità di cure nel territorio nazionale in continuità con la legge 13 maggio 1978, n. 180, e per valorizzare la partecipazione attiva di utenti, familiari, operatori e cittadini nei servizi di salute mentale”.

La proposta di legge di Ezio Casati è una delle due proposte di riforma del sistema di assistenza sanitaria per le persone con disagio mentale di cui si sta discutendo in Parlamento.

Sarà presentata poi l'esperienza di Tiki Taka, una sperimentazione attiva in provincia di Monza di collaborazione tra enti pubblici, privati e mondo dell'associazionismo grazie alla quale avvengono progettazioni in rete di attività dedicate a persone con vari tipi di disabilità, dai laboratori sportivi al tempo libero, da sperimentazioni di residenzialità assistita all'accompagnamento al lavoro.

Nella seconda parte del convegno ci sarà una tavola rotonda a cui parteciperanno con Antonio Amatulli, direttore UOC di Psichiatria Asst Vimercate; Valerio Canzian, presidente Urasam; Valeria Negrini, presidente di Federsolitarietà Lombardia; Paolo Macchia, vice presidente Rete Utenti Lombardia; e Veronica Allievi, Esp - Esperto in supporto tra pari.

Si parlerà, appunto, anche della figura del Esp: si tratta di persone che hanno avuto un'esperienza personale con le malattie mentali e che hanno seguito una formazione per poter entrare nelle equipe multi professionali, dove portano la propria competenza data dall'esperienza.

«Metteremo al centro del convegno i cambiamenti che stanno avvenendo nel sistema di welfare dedicato alle persone con disagio psichico. Dedicheremo la mattinata a contributi tecnici e normativi, oltre che a riflessioni sull'importanza di fare rete tra famiglie, associazioni e istituzioni nel territorio – spiega Alessandro Colombo, referente della commissione salute mentale di Consorzio Farsi Prossimo - Quello che vogliamo costruire è una rete di servizi e di relazioni di sostegno, dove al centro di ogni maglia di questa rete c'è sempre la persona. Crediamo che la rete sia lo strumento che meglio può facilitare il recupero e migliorare il benessere delle persone in cura nell'ambito della salute mentale».

 

Qui la locandina con il programma completo del convegno.